CRISTALLO SCUOLA

Vai ai contenuti

Menu principale:

Cessazione servizio
 


CESSAZIONE dal SERVIZIO A.S. 2020.2021

La C.M. 36103 del 13/11/2020 detta le indicazioni operative per la presentazione delle domande di CESSAZIONE dal SERVIZIO per il personale del comparto scuola per:

- dimissioni volontarie
(in qualsiasi momento durante il rapporto di lavoro, sempre con decorrenza 1 settembre)
- raggiunti limiti di età
o raggiunta anzianità di servizio

Con il D.M. n° 159
del 12/11/2020  è stata avviata la procedura relativa alle cessazione dal servizio del personale della scuola a far data dal 01.09.2021.

La presentazione delle istanze, entro il termine del  
07 dicembre 2020, deve essere effettuata solo per via telematica attaverso la piattaforma  POLIS - ISTANZE ON LINE alla quale si accede previa registrazione.

REQUISITI: (scarica il quadro sinottico)

  -
A DOMANDA: entro il 31 dicembre 2021 sia per gli uomini che per le donne, con almeno 20 anni di contribuzione,
     in virtù della disposizione prevista dall'art. 59, comma 9, della Legge n° 449 del 27 dicembre 1997
  -
PENSIONE di VECCHIAIA:  67 anni compiuti entro il 31 agosto 2021 (collocamento d'ufficio) - 67 anni compiuti     entro il 31 dicembre 2021 (a domanda)
  
- PENSIONE di VECCHIAIA: 66 anni e 7 mesi
compiuti entro il 31 agosto 2021 (collocamento d'ufficio) - 66 anni     e 7 mesi compiuti entro il 31 dicembre 2021 (a domanda)
    (esclusione dell'adeguamento alla speranza di vita nei confronti dei lavoratori dipendenti che svolgono attività gravose,     addetti a lavorazioni particolarmente faticose e pesanti a condizione che siano in  possesso di un'anzianità contributiva pari     ad almeno 30 anni al 31 agosto 2021)
  -
PENSIONE ANTICIPATA: potrà conseguirsi, a domanda, solo al compimento delle seguenti anzianità contributive:
     
a - 41 anni e 10 mesi per le donne
     b - 42 anni e 10 mesi per gli uomini
     da possedersi entro il
31 dicembre 2021    
  -
LIMITE ORDINAMENTALE:  65 anni di età, non è modificato dall'elevazione dei requisiti anagrafici previsti per la
    pensione di vecchiaia e costituisce il limite non superabile se non per il trattenimento in servizio o per consentire
    all'interessato di conseguire la prima decorrenza utile della pensione
    Anzianità contributiva + 65 anni di età (limite ordinamentale) conseguiti entro il
31 agosto 2021
    (collocamento d'ufficio):
     a - 41 anni e 10 mesi per le donne
     b - 42 anni e 10 mesi per gli uomini
  -
QUOTA 100: L’articolo 14, comma 1, del D.L. n° 4/19 prevede la possibilità di conseguire il diritto alla pensione
    anticipata al raggiungimento di un'età anagrafica di almeno 62 anni con un'anzianità contributiva minima di 38 anni
    da possedersi entro il
31 dicembre 2021
  -
OPZIONE DONNA: 58 anni
maturati al 31 dicembre 2019 con una anzianità contributiva di 35 anni maturata al
    31 dicembre 2019
La risoluzione unilaterale del rapporto di lavoro viene disposta con preavviso da inviare agli interessati almeno 6 mesi
prima del termine dell'anno scolastico, ovvero entro il 28 febbraio 2021.


TRATTENIMENTO IN SERVIZIO oltre i limiti di ETA'

Il D.L. n° 90 del 24 giugno 2014, convertito nella Legge n° 114 del 11 agosto 2014, ha abolito l'istituto del trattenimento in servizio oltre i limiti di età.
Nulla è invece variato rispetto al comma 3, art. 509 del D.L. n° 297 del 14 aprile 1994 che disciplina i trattenimenti in servizio per raggiungere il minimo ai fini del trattamento di pensione.
Ne consegue che nel 2017 potranno chiedere la permanenza in servizio i soli soggetti che, compiendo 66 anni e 7 mesi di età entro il 31 agosto 2018, non sono in possesso di 20 anni di anzianità contributiva entro tale data.






 
Torna ai contenuti | Torna al menu